Vespa, all'asta la più vecchia del mondo: per la numero 3 è battaglia tra gli appassionati

ROMA -  Volete la Vespa più antica che sia mai stata trovata in circolazione? Bisogna preparare un bel po' di denaro e collegarsi entro il 28 marzo al sito Catawiki (questo il link www.catawiki.it/vespaseriezero) per partecipare a quella che si annuncia essere un'asta straordinaria. L'oggetto del desiderio è quella che reca il numero 1003 (partirono da 1001) della serie zero, la pre serie che Piaggio realizzò per testare il gradimento degli italiani verso il nuovo scooter. Vespa ha vinto tante sfide dal 1946 ad oggi. È diventata una vera e propria icona della rivoluzione nella mobilità urbana. Un mezzo straordinario capace di diventare uno dei simboli della rinascita italiana del dopoguerra.

Immortalata in pellicole di culto come “Vacanze romane” con a bordo Audrey Hepburn e Gregory Peck ed è diventata un simbolo del Made in Italy stregando milioni di persone in tutto il mondo. Su Catawiki è possibile aggiudicarsi fino al 28 marzo, quindi, un pezzo assolutamente unico, l’esemplare soprannominato "la n°3", la Vespa con il numero di telaio più basso in circolazione al mondo, attualmente custodita in uno showroom situato nei pressi di Reggio Emilia. Questo modello appartiene al primo lotto produttivo di 60 pezzi del cosiddetto progetto MP6 (Motocicletta Piaggio n.6), prodotto negli stabilimenti Piaggio di Pontedera a tutti gli effetti la prima vera Vespa e quindi un pezzo di assoluto valore: dopo i primi 60 pezzi, infatti, la produzione fu industrializzata affidando la realizzazione delle parti in acciaio del telaio a fornitori esterni, tra cui la Alfa Romeo.

Il modello rappresenta un’assoluta rarità, come testimoniano le parole dell’esperto Catawiki, Davide Marelli, incaricato di effettuare la valutazione: “Questo lotto rappresenta un assoluto pezzo di storia dell’italianità e ci auguriamo di suscitare l’interesse di un museo o di un’associazione che possa tutelarlo e al tempo stesso preservarlo affinché ne godano quante più persone”. Sono sopravvissute 3 Vespa appartenenti alla “Serie 0” e quella più antica di cui si abbia traccia è questa (la terza Vespa costruita) recante il N. di telaio 1003. In seguito vennero prodotti 15.000 esemplari, dal 1946 al 1948. Il numero di telaio compare sul telaio stesso, nella zona della punta sotto sella, sui cofani, sui profili poggia piedi in alluminio, e addirittura sulla marmitta.
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 23 Marzo 2017, 20:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003