Fca, altri 370 giovani assunti nella fabbrica di Melfi 

di Diodato Pirone
Il Natale ha portato una buona notizia per 370 giovani lavoratori della fabbrica Fiat di Melfi, in Basilicata, che lavoravano con contratto interinale a tempo: dal 2016 saranno stabilizzati, ovvero avranno il contratto a tempo indeterminato con le regole del Jobs Act.
I 370 si aggiungono ai 1.480 giovano assunti con l’interinale a gennaio 2015 e che erano stati stabilizzati in estate per produrre i nuovi minisuv Jeep Renegade e Fiat 500X che si sono aggiunti alla Fiat Punto.

”E’ un’ottima notizia - sottolinea il segretario della Uilm Basilicata, Marco Lomio - In un anno questa fabbrica ha prodotto 1.850 buoni posti di lavoro cui vanno aggiunti altre migliaia di posti nati nell’indotto, nei trasporti e nella logistica. Ora si tratta di proseguire su questa strada”.

Applausi anche da Ferdinando Uliano, responsabile Fca per la Fim-Cisl che dice: ”Melfi è la migliore dimostrazione che l’Italia e il Mezzogiorno possono crescere attraverso lo sviluppo della filiera automotive con prodotti destinati a tutto il mondo. E questa strategia alla quale il sindacato ha contribuito è premiante il lavoro italiano”.

La notizia delle 370 ulteriori stabilizzazioni è emersa al termine di un incontro fra sindacati e azienda servito a fare il punto nave sullo stabilimento al termine di un anno da fuochi d’artificio. Da Melfi, infatti, quest’anno usciranno circa 400.000 vetture nuove di zecca contro le 100.000 circa del 2014. Un quadruplicamento numerico (ma l’aumento è molto più forte in termini di valore) che ha consentito proprio a questa fabbrica - l’unica in Europa a lavorare 7 giorni su 7 su 20 turni - di dare un grosso contributo alla crescita dell’intero Pil italiano del 2015.

Dalla riunione sono emersi altri dettagli. La produzione della Punto scenderà a un turno per circa 250 pezzi al giorno in attesa che in primavera parta la produzione della Punto diesel euro6.
I lavoratori del secondo turno Punto saranno distribuiti lungo le linee Renegade e 500X tranne una novantina chiamati in estate da Pomigliano che andranno ad Atessa, in Abruzzo, dove si produce il furgone Ducato.

Dopo un anno al fulmicotone, inoltre, la fabbrica lucana chiuderà i battenti un lungo periodo ovvero dal 24 dicembre al 5 gennaio. ”Non tanto per limare la produzione poiché Renegade e 500X sono molto richiesti, in particolare la prima negli Usa - spiega Lomio - Quanto per effettuare una serie di lavori di manutenzione e di ampliamento delle linee che non sempre ce la fanno a sostenere il ritmo dei 20 turni settimanali”.
 


Resta da riferire che gli stabilizzati sono stati 370 sui 382 giovani - praticamente tutti diplomati - chiamati in estate a lavorare con l’interinale. Insomma, solo una dozzina di ragazzi, tre ogni cento, non ce l’hanno fatta a tagliare il traguardo del lavoro fisso con le nuove regole.
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 10 Dicembre 2015, 21:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Buona la prima. La Ferrari c’è. Con una corsa impeccabile la Rossa di Sebastian Vettel domina il Gran Premio d’Australia e torna alla vittoria dopo un anno e mezzo, interrompendo...
Renault Captur svelata al salone di Ginevra 2017
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NUOVE REGOLE UE
Due seggiolini con lo schienale
ROMA - “Ad oggi non è prevista alcuna sanzione per chi continuerà a usare i...
SICUREZZA AL VOLANTE
Il manichino big size
ROMA - Anche i crash test dummies, i manichini usati per provare la sicurezza dei veicoli, si...
TEST AUSTRALIA
Maverick Vinales domina anche la terza giornata di test in Australia
PHILLIP ISLAND - Maverick Vinales ha dominato anche il terzo giorno di test della Motogp sul...
IL NUOVO GIOIELLO
La Ferrari SF70H
MARANELLO - Si chiama SF 70 H, dove la h sta per la motorizzazione Hybrid, la Ferrari che...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003