F1, Vettel: «Proviamo a rompere la supremazia Mercedes». Alonso: «Voglio vincere non solo correre»

BARCELLONA - La Ferrari è sbarcata in Spagna per tentare un nuovo assalto alla fortezza Mercedes ma Sebastian Vettel avverte che non sarà facile spodestare la squadra che ha dominato gli ultimi due anni. La vittoria di Bottas in Russia lo ha dimostrato e quindi il tedesco è prudente nella conferenza stampa ufficiale del giovedì’ mentre il suo grande avversario, Lewis Hamilton, lancia il compagno di squadra finlandese come possibile contendente al titolo. Di vittorie future parla invece Fernando Alonso, che dicendo di voler continuare a correre nel 2018 ma solo in un team vincente, non escludendo la Ferrari.

L’ipotesi non spaventa il tedesco, «pronto lavorare con chiunque» e che lascia cadere le allusioni su un suo passaggio alla Mercedes essendo «tutto concentrato su quest’anno». «La posizione della Ferrari è di sicuro migliore rispetto al 2016 ma è davvero troppo presto per trarre conclusioni - ha esordito Vettel parlando dell’ottimo inizio di stagione, che lo vede in testa alla classifica piloti - La Mercedes ha fatto cose straordinarie negli ultimi due anni e resta la squadra da battere. È dura rompere la sua supremazia ma noi ci stiamo provando». «Ci aspetta una prova importante, perchè in Spagna i team portano delle modifiche alle monoposto anche se nell’ultimo decennio si fanno interventi di gara in gara. Ora abbiamo un gruppo di persone giuste per realizzare un’ auto vincente, sono certo che porteranno gli aggiornamenti che ci servono».

«La pole è importante? Sì, ma lo è anche la gara - aggiunge Vettel -. Da domani cominceremo a vedere come portare avanti il fine settimana». Lo stesso percorso attende Hamilton, bisognoso di recuperare fiducia dopo il quarto posto di Sochi e ritrovare il feeling con la monoposto entrato in crisi nell’ultimo gp «per tutta una piccola serie di fattori concomitanti». «Sono comunque felice che abbia vinto Valtteri - sottolinea l’inglese - anche se avrei voluto essere sul podio con lui. Speriamo di centrare la doppietta qui. Da inizio dell’anno sono convinto che Bottas può concorrere al titolo».

Altri sono invece i pensieri di Alonso, prossimo all’avventura a Indianapolis ma desideroso di restare nel circus ancora nel 2018 ma solo in una squadra vincente. Potrebbe essere la Ferrari, gli viene chiesto? «La mia priorità è continuare a correre ma anche vincere, non solo gareggiare. È il mio ultimo anno con la McLaren, in autunno comincerò a valutare la situazione e se vedrò possibilità di tornare a vincere qui mi accoderò con il team, altrimenti sarò felice di parlare con chiunque altro».
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 11 Maggio 2017, 18:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Skoda Karoq, il Suv compatto che affianca il fratello maggiore Kodiaq
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003