Volkswagen senza confini, in Africa accordo con il Ruanda per nuove soluzioni di mobilità

WOLFSBURG - Volkswagen punta a conquistare i mercati africani, che hanno un grande potenziale soprattutto nell’ambito di nuove soluzioni di mobilità, come quella dei veicoli condivisi. A questo scopo l’azienda di Wolfsburg ha sottoscritto un accordo con il governo del Ruanda per sviluppare un articolato programma in quella nazione dell’Africa Orientale, che prevede - tra l’altro - una produzione locale di auto e mezzi commerciali nella capitale Kigali.

Un memorandum in questo senso è stato firmato da Francis Gatare, direttore del consiglio di sviluppo del Ruanda e da Thomas Schaefer, consigliere delegato del Gruppo Volkswagen in Sudafrica, alla presenza di Herbert Diess, consigliere delegato della marca Volkswagen e di Paul Kagame, presidente del Ruanda. Dopo aver sottolineato l’avvio dell’attività della terza fabbrica del Gruppo tedesco in Africa, quella in Kenia, Schaefer ha detto che in Ruanda «verrà lanciato un progetto che svilupperà la mobilità individuale in questa nazione in rapido sviluppo e che farà di questo mercato uno dei pilastri del rapporto tra la Volkswagen e l’Africa». Per quel Paese è previsto un servizio di veicoli condivisi su richiesta - da gestire attraverso applicazioni negli smartphone - basato su modelli che verranno fabbricati direttamente in Ruanda in un impianto rispondente agli standard ambientali del protocollo Think Blue Factory di Volkswagen.

A questo programma - precisa la nota dell’azienda di Wolfsburg - parteciperà il socio keniano di Volkswagen DT Dobie che trasferirà in Ruanda le esperienze maturate in Kenia. Tra i punti inseriti nell’accordo anche la possibilità di creare un’accademia tecnica per la formazione locale e, a medio termine, quella di importare nel Paese modelli 100% elettrici come la e-Up! e la e-Golf. Il Ruanda, si legge nel comunicato, non possiede un’industria automobilistica locale e la popolazione, che ha un’età media inferiore a 20 anni, è propensa ad adottare senza passaggi intermedie le nuove tecnologie.
 
 

 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Martedì 3 Gennaio 2017, 16:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
70 anni Ferrari nella Cavalcade classiche 2017
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003