Huracan LP 580-2: la Lamborghini da brividi con la sola trazione posteriore

Doha. - Automobili Lamborghini ha scelto Doha per la presentazione dinamica della nuova Huracan LP 580-2, variante a due ruote motrici della coupè 10 cilindri “pensata” proprio attorno alla trazione posteriore e alle grandi emozioni di guida che può dare una supersportiva con questa architettura.

Il circuito Moto GP di Losail con il suo tracciato “tormentato” e le ampie vie di fuga, ha permesso a giornalisti convenuti da tutto il mondo una prova davvero esaustiva della nuova Lambo. O meglio - come ha scritto senza mezzi termini il magazine britannico AutoExpress - di verificare se questo nuovo modello fosse “un animale selvaggio ricavato dalla Huracan” impoverito per la perdita delle quattro ruote motrici o piuttosto se il risultato fosse una vettura dal carattere forte, esattamente “come avrebbe dovuto essere”.

Ed è proprio AutoExpress a dare la definizione che sintetizza il comportamento della nuova Huracan: “La LP 580-2 si percepisce equilibrata e veloce, proprio come fa quella a quattro ruote motrici, ma ora ha un comportamento dell'avatreno molto più nitido, un bel grado di controllabilità della coda che permette di fare molto di più con l'auto avvicinandosi al limite, ma senza questo dimostrarsi in alcun modo nervosa”.


Stephan Winkelmann, presidente e AD di Automobili Lamborghini spiega a chi è indirizzata la nuova LP 580-2, in listino a 150mila euro, tasse escluse: “Il modello a trazione posteriore si inserisce perfettamente nella famiglia Huracan. Si rivolge a coloro che desiderano un'esperienza di guida ancora più coinvolgente, o che attualmente hanno una vettura a trazione posteriore di altre marche e aspirano a guidare una Lamborghini. Si tratta di una vettura adatta a conducenti in grado di farla esprimere al massimo del suo potenziale”.


La variante LP 580-2 è evoluta, rispetto alla a quattro ruote motrici, in direzione di una riduzione della massa (- 33 kg per una massa a secco di 1.389 kg) e di una distribuzione dei pesi che prevede un 40% all'avantreno e un 60% al retrotreno. Una caratteristica, questa, che riduce l'inerzia sull'asse anteriore rispetto alla versione LP 610-4 e che - assieme a diverse altre modifiche come la nuova gestione della potenza, le sospensioni modificate, il nuovo sterzo a sensibilità variabile e i controlli di stabilità e trazione ricalibrati - permette al pilota di sentire la strada nel modo più diretto ossibile.


I settaggi di guida Strada, Sport e Corsa sono stati ritarati per fornire caratteristiche di sovrasterzo tipiche di una trazione posteriore, senza per questo compromettere mai la sicurezza dinamica. Come ha fatto notare Maurizio Reggiani board member di Automobili Lamborghini con responsabilità per ricerca e sviluppo “ESC e TCS sono stati espressamente messi a punto per la trazione posteriore e le sospensioni sono state modificate utilizzando molle e barre antirollio specifiche”, contribuendo assieme ad una nuova cinematica della sospensione posteriore ad aumentare la sensazione di
centralità della vettura. Anche esteticamente la Huracan LP 580-2 è diversa dalla sua omologa a trazione integrale. Muso e coda sono stati ridisegnati per accentuarne l'immagine giovane e decisa come risultato di una stretta cooperazione fra il Centro Stile e gli esperti di aerodinamica. Ne è un esempio la grande presa d'aria frontale, ad esempio, serve a creare carico aerodinamico sull'assale anteriore.


La Huracan LP 580-2 monta nuovi cerchi Kari da 19 pollici con gommatura Pirelli Pzero sviluppata in esclusiva per questa variante a trazione posteriore. I freni a disco con pinze in alluminio sono stati appositamente sagomati per conseguire una riduzione di peso e un migliore raffreddamento. Il V10 aspirato da 5,2 litri della Huracan, collocato in posizione centrale, è stato rivisto per erogare una potenza di 580 Cv e una coppia massima di 540 Nm, il 75% della quale già disponibile a 1.000 giri.

 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Sabato 12 Dicembre 2015, 17:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
La Toyota si ferma una manciata di secondi dal traguardo, a vincere la 24 Ore di Le Mans è ancora una volta la Porsche. Una sfortuna mai vista, quasi una maledizione. Sembra una storia...
Sorpresa nel porto di Ischia: c'è un'auto in navigazione
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
NOVITA' IN ARRIVO
Pneumatici e caschi, si cambia
ROMA - Dopo l'ok della nuova Legge di Stabilità per il 2016 scattano i nuovi controlli...
CARTA ADDIO
l’Aci si avvia ad introdurre, a partire dal 4 luglio, anche l’atto di vendita dell’auto in forma digitale
ROMA - Addio scartoffie e documenti che, col tempo, sono soggetti ai danni dell’usura e al...
ESCLUSIVO
Un concentratissimo Sergio Marchionne ai box Ferrari
LE MANS - Parlare della 24 Ore di Le Mans non è mai facile. È una gara leggendaria e...
LEGAME INDISSOLUBILE
Bill Ford con sullo sfondo la nuova GT con cui puntare a vincere la 24 re di Le Mans
LE MANS - Ford Motor Company è nata in pista. Se penso alla storia della mia famiglia, e a...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2016 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003