Ecco GLA, la Stella dei Suv compatti: Mercedes rinnova il più piccolo dei suoi sport utility

di Giampiero Bottino
MILANO - Se è vero che la fortuna aiuta gli audaci, allora la Mercedes merita ampiamente la buona sorte che – lo dicono i numeri – le sta sorridendo di questi tempi. Perché di coraggio ce ne voleva non poco, per stravolgere un prodotto di grande successo coma la Classe A, rivoltarla come un calzino, cambiare radicalmente un target prevalentemente femminile. I due milioni di unità vendute dal 2012 (130.000 in Italia) e l’età media della clientela diminuita di 13 anni dicono che la sfida è stata vinta, anche perché nel frattempo la nuova Classe A ha messo su famiglia, visto che alla capostipite si è aggiunta dapprima la Cla, declinata come berlina a 4 porte e Shooting Brake a 5, e successivamente la Gla che ne rappresenta l’anima avventurosa.
 
 


Proprio questo Suv lungo 4.424 mm, il più compatto di una gamma a ruote alte composta da ben modelli diversi che per dimensioni e caratteristiche costituiscono un’offerta senza rivali tra i costruttori premium, è stato oggetto di un profondo restyling che ne ha ulteri ormente enfatizzato il carattere sportivo e determinato, arricchendolo di contenuti tecnici spesso al debutto in questa categoria di veicoli. Il primo segno del cambiamento – a parte alcune modifiche tutto sommato marginali alla forma dei paraurti e al disegno delle ruote – è costituito dai gruppi ottici a Led, di serie o in opzione a seconda delle versioni, che conferiscono alla vettura uno sguardo più penetrante e anche una maggiore efficienza, visto che il loro consumo energetico è pari al 60% di quello dei proiettori bixeno che sostituiscono. Originali le luci a Led posteriori la cui intensità luminosa varia automaticamente a seconda che sia giorno, notte o che l’auto sia ferma nell’oscurità.

Il cliente del rinnovato Suv della Stella può scegliere fra tre varianti di assetto: quello standard Comfort, la sua declinazione Offroad rialzata di 30 mm e l’assetto ribassato abbinato al pacchetto dinamico o alle connotazioni sportive della Amg Line. Sotto l’aspetto meccanico, la principale novità è rappresentata dalla Gla 220 4Matic che abbina la trazione integrale al 2.2 a benzina da 184 cv, un’accoppiata che – come ha dimostrato la prova di guida – garantisce un più che soddisfacente mix di prestazioni, agilità e attenzione ai consumi.

Questo powertrain arricchisce ulteriormente un’offerta articolata nelle versioni a benzina 180, 200 e 250 (da 122 a 211 cv) e nei turbodiesel 180d, 200d e 220d con potenze di 109, 136 e 177 cv rispettivamente. Al vertice della famiglia c’è l’ormai immancabile variante sportiva firmata dall’atelier di Affaltenbach Gla 45 Amg 4Matic con il 2.0 da 381 cv e 475 Nm di coppia massima che, abbinato al cambio sportivo doppia frizione a 7 rapporti Speedshift Dct Amg, regala un’accelerazione 0-100 in 4,4 secondi.

Tra i miglioramenti che il restyling ha apportato alla qualità della vita a bordo troviamo i comodi ed ergonomici sedili Comfort e il bagagliaio con apertura e chiusura a mani libere, mentre il Media Display da 8 pollici sospeso al centro della plancia si distingue per la gestione intuitiva delle funzioni di infomobilità. L’attenzione alla sicurezza trova espressione nella presenza di serie su tutte le versioni sia del sistema attivo di assistenza alla frenata, in grado all’occorrenza di arrestare completamente la vettura, sia dell’Attention Assist che valuta il comportamento del guidatore per rilevarne i primi di sintomi di stanchezza, avvertendolo con un segnale sonora dell’opportunità di effettuare una sosta ristoratrice. Disponibile nei livelli di allestimento Executive, Business, Sport e Premium, la rinnovata Mercedes Gla viene proposta in Italia con un listino compreso tra 30.140 e 48.686 euro, mentre la 45 Amg 4Matic ne costa 63.550.
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 20 Aprile 2017, 15:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003