La BMW X7

BMW X7, alla scoperta dell'ammiraglia dei Suv dell'Elica dove il lusso è di serie

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo

VENEZIA – Per la prima volta l'extra lusso griffato Bmw assume le forme di un modello della gamma “X”, quella dei suv. L'americana Bmw X7 (è costruita nel più grande sito del gruppo bavarese, a Spartanburg, nella Carolina del Sud, ma è anche pensata per il mercato d'Oltreoceano) arriva in Europa. E in Italia debutta con un tour attraverso lo Stivale che è partito da Milano, la capitale economica del paese, e che si conclude a Matera, la capitale europea della cultura, dopo aver toccato Venezia, Firenze, Roma e Napoli.
 

 

La Bmw X7 è americana anche nelle dimensioni, che raggiungono i 5,15 metri di lunghezza (3,10 di passo). È un veicolo imponente (non meno di oltre 2,3 tonnellate di peso), dove anche la griglia frontale ed il logo dell'Elica sono maggiorati. Per non parlare dei cerchi in lega, le cui dimensioni partono dai 20 pollici. Il prezzo non fa eccezione e parte da poco meno di 95.000 euro per per la xDrive 30d per arrivare fino ai quasi 120.000 della quadriturbo xDrive M50d. Accessori esclusi, è ovvio. Che i clienti della casa bavarese non si fanno mancare, nemmeno in Italia. Tra le varie “chicche” c'è anche un impianto stereo da 6.000 euro.

Finora i modelli extra lusso di Bmw erano la Serie 7 e la Serie 8. La X7 diventa l'ammiraglia dei fuoristrada dell'Elica. È offerta di serie con tre file di sedili in configurazione 2-3-2. A richiesta è però disponibile anche con due poltrone centrali (non troppo diverse da quelle anteriori come comfort: se si includono anche gli schermi, a richiesta, forse anche di più) anziché il divano a tre piazze. I due posti dell'ultima fila sono veri. Sul serio. Non solo chi li occupa sta largo, ma può anche comandare l'aria condizionata e, addirittura, aprire la tendina del tetto panoramico. Che è diviso in due parti: una comandata elettricamente per le prime due file e l'altra a chiusura manuale. Lo stesso portellone posteriore dispone di una doppia apertura per facilitare la manovre di scarico a scarico. Una soluzione interessante perché la capacità di carico della Bmw X7 è quasi quella di un veicolo commerciale e supera i 2.100 litri.

Come la più piccola X5 dispone di diverse impostazioni di guida, comprese quelle per il fuoristrada, che incidono sull'escursione delle sospensioni pneumatiche (fino a 8 centimetri: 4 in alto e altrettanti in basso). Dal punto di vista tecnologico il Suv altissimo di gamma può venire dotato con quanto di meglio abbia a disposizione Bmw. Si tratta eventualmente solo di mettere mano al portafoglio. I motori, tutti sovralimentati e da 3.0 litri omologati Euro 6d-temp hanno 340 (40i), 245 (30d) e 400 (M50d) cavalli di potenza con coppie comprese tra i 450 ed i 720 Nm. L'accelerazione da 0 a 100 orari scende fino a 5,2 secondi e la velocità massima arriva fino a 250 km/h. I consumi dichiarati variano tra i 6,5 ed 9 l/100 km. Composta, ordinata e sicura, la Bmw X7 è perfino in grado regalare emozioni quando la si vuole guidare in modo più “audace”, anche se non è stata messa a punto per quello. È oltremodo spaziosa ed ha nel prezzo (ci si possono comprare almeno 11 Panda) e nelle dimensioni (è lunga poco meno di due smart) i suoi limiti.

  • condividi l'articolo
Wednesday 22 May 2019 - Ultimo aggiornamento: 19:28 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti