L'esterno del dealer di Sassari di Triumph Motorcycles, appena inaugurato da PimaxCar Group

Con Triumph Motorcycles alla scoperta dell’isola del tesoro. Inaugurato in Sardegna il primo dealer dello storico marchio inglese

  • condividi l'articolo

Nel 1973, Ted Simon si lasciava alle spalle l’Inghilterra per intraprendere un lungo viaggio intorno al mondo durato oltre quattro anni, in sella alla sua Triumph Tiger 100. Attraversando l’Italia, forse, se qualcuno gli avesse raccontato che oltre quella striscia di mare che corre lungo la costa tirrenica c’era un’isola fatta di roccia, sabbia, asfalto e interminabili sterrati che svelano paesaggi mozzafiato, oggi, ci sarebbero anche la storia e i profumi della Sardegna tra le pagine del suo libro, divenuto nel tempo un’icona ispiratrice per i bikers di tutto il mondo.

La Sardegna è l’isola del tesoro, un tesoro celato tra le sfumature rosate dei suoi graniti levigati dal vento, per il quale ogni anno migliaia di motociclisti, da tutta Europa, si mettono in viaggio e raggiungono Cagliari, Olbia, Alghero, per dare inizio ad un sogno. La sensazione è quella di un parco giochi creato da madre natura a disposizione di ogni centauro che abbia l’entusiasmo, la curiosità e la forza di affrontarlo.

Paesaggi selvaggi e talvolta dal sapore esotico, un nastro di asfalto senza imperfezioni che disegna curve morbide e parabole perfette, fangosi sentieri che si addentrando nelle campagne e inerpicano lungo sentieri di montagna, nel massiccio del Gennargentu. La Sardegna è capace di soddisfare ogni ardito desiderio del centauro, dai tornati sospesi tra cielo e mare della Gallura alle strade bianche del nuorese, terra natia di ultracentenari, ai faggeti Burgos; dai siti neolitici Oristano ai laghi salmastri di Arborea.

E poi, avvolta nel mito dei racconti dei centauri più coraggiosi, c’è lei, l’Orientale Sarda o semplicemente la SS 125: la Route 66 italiana. Proprio come la direttrice che accompagnava la conquista dell’Ovest americano, rievoca tutte le suggestioni delle vecchie direttrici abbandonate, un tempo centro nevralgico dei trasporti e commerci ed oggi territorio del quale la natura si sta, poco a poco, riappropriando. Attraversandone dei tratti, e fermandovi in qualche vecchia area di servizio, potrete sentire l’eco dei traffici e dei pezzi di vita che si sono consumati in questi luoghi. Ogni viaggio on the road in Sardegna non può dirsi compiuto senza questa specie di rito pagano del tributo alla SS 125.

Almeno per tre stagioni su quattro, la Sardegna è una vera e propria Disneyland dei motociclisti, un parco giochi a cielo aperto che non potrà mai deludere alcuna aspettativa. Ed è proprio questo che ha spinto il marchio Triumph a scommettere su quest’isola, affidando a PimaxCar Group, uno dei principali player nel settore automotive sul territorio, il mandato esclusivo per la Regione. Un nuovo, importante punto di riferimento per gli appassionati dello storico Marchio inglese che promette di far vivere agli amanti delle due ruote emozionanti esperienze in sella alle icone firmate Triumph Motorcycles.

Il punto vendita di Sassari, appena inaugurato da PimaxCar Group, sarà la prima porta di accesso per entrare nell'esclusivo mondo del brand inglese, vera e propria icona di heritage e passione per i bikers di tutto il mondo. Nei prossimi mesi, oltre alla sede a nord della Sardegna, sono previsti ulteriori investimenti a Olbia, Cagliari e nell'hinterland meridionale, così da assicurare una copertura capillare su tutto il territorio regionale.

"La Sardegna conta tantissimi appassionati delle due ruote e diversi club Triumph Riders. Il nostro intento è assicurare una piattaforma forte e ben radicata sul territorio, in grado di offrire non solo vendita e assistenza, ma una vera club house per assecondare la passione per questo Marchio così importante, che ha deciso di investire su di noi e sulla Sardegna”, hanno dichiarato Massimo e Pinuccio Mele nel corso dell'inaugurazione del primo showroom.

E quale può essere un modo migliore per questa affascinate Regione se non a cavallo di una nobile inglese a due o tre cilindri…?

  • condividi l'articolo
Giovedì 28 Aprile 2022 - Ultimo aggiornamento: 29-04-2022 13:33 | © RIPRODUZIONE RISERVATA