Il cileno Jose Ignacio Cornejo Florimo (Monster Energy Honda) ha vinto la settima tappa della Dakar

La 7^ tappa delle moto parla spagnolo, vince Florimo (Honda), poi Benavides e Barreda. Altra doppietta Kamaz nei truck

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo

AL RAWADIMI – Cambio della guardia dopo il riposo. Il cileno Jose Ignacio Cornejo Florimo (Monster Energy Honda) ha vinto la settima tappa della Dakar riservata alle moto, mentre il francese Adrien Van Beveren (Monster Energy Yamaha) è subentrato a Sam Sunderland (GasGas) al comando della classifica generale. La frazione è stata decisamente molto “latina” con cinque centauri di lingua spagnola nelle prime cinque posizioni. La piazza d'onore è andata al campione uscente, l'argentino Kevin Benavides (Red Bull Ktm), seguito dallo spagnolo Joan Barreda Bort (Monster Energy Honda), da Luciano Benavides, fratello di Kevin, ma in gara con la Husqvarna, e dallo spagnolo Lorenzo Santolino (Sherco).

La classifica generale assoluta lascia ancora aperta quasi ogni opzione, tranne quella di Daniel Sanders, l'australiano vincitore di tue tappe che non è nemmeno partito. I primi sette sono racchiusi in appena 8 minuti e 33 secondi. Van Beveren ha 5 minuti e 12 di margine sul Matthias Walkner (Red Bull Ktm) e 5 e 38 su Benavides, che ha guadagnato addirittura 5 posizioni. Ai piedi del podio (6.34'') c'è Santolino. Paolo Lucci (Solarys Racing) resta il migliore degli italiani: 26° della tappa e della generale, nella quale è anche il terzo degli esordienti.

Nella gara degli autocarri, Kamaz ha confermato ancora la prima e la seconda piazza, questa volta con Anton Shibalov e Eduard Nikolaev davanti a tutti, ma ha dovuto cedere la terza all'olandese Martin Van Den Brink (Mammoet Rallysport Team De Rooy Iveco), al suo primo podio in questa Dakar. Nikolaev ha guadagnato una posizione (è tornato secondo) e rosicchiato minuti al compagno di squadra, connazionale e battistrada Dimitry Sotnikov al quale rende ancora 5 minuti e 14 secondi. Shibalov è terzo a quasi 31 minuti e mezzo. Il ceco Ales Loprais (Instaforex Loprais Praga) si è ripreso il quarto posto strappandolo a Janus Van Kasteren (Petronas Team De Rooy Iveco), arrivato con un forte ritardo al traguardo. Adesso l'olandese deve provare un difficile difesa della quinta piazza: il russo Andrey Karginov (Kamaz) è a soli 59''.

Il brasiliano Marcelo Medeiros, che ha un team che porta il proprio nome e pilota un veicolo Yamaha, si è imposto nella prova riservata ai quad. Il secondo posto di Alexandre Giroud (Yamaha Racing Smx Drag'on) vale al francese un ulteriore e importante allungo nei confronti del naturalizzato americano Pablo Copetti (Dem Amo Motorsports) che è arrivato terzo, ma a quasi 13 minuti e mezzo dal rivale. Il transalpino ha un vantaggio di 18 minuti e 21 secondi da gestire nelle restanti tappe. Quarto all'arrivo, il russo Aleksandr Maksimov (Chyr Mari) è terzo nella generale a 52 minuti e 39 secondi da Giroud.

  • condividi l'articolo
Domenica 9 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento: 20:41 | © RIPRODUZIONE RISERVATA