Danilo Petrucci, il pilota Ktm si è aggiudicato la 5^ tappa dopo la penalita a Price

Penalità a Price, Petrucci vince la 5^ tappa, è la prima volta di un pilota di MotoGp. Riscatto Karginov fra i truck

di Mattia Eccheli
  • condividi l'articolo

RIAD – Declassato ieri, promosso oggi. Grazie ai 6 minuti di penalità inflitti a Toby Price, l'australiano che si è già aggiudicato due volte la Dakar, Daniele Petrucci (Tech 3 Ktm Factory Racing) è il primo centauro del MotoGp ad aver vinto una tappa del rally radi più duro al mondo. Ieri il 31enne italiano era arrivato terzo, ma per aver superato la velocità consentita in uno dei tratti di collegamento erano stati aggiunti 15 minuti al suo crono facendolo scivolare al quindicesimo posto. Oggi, in occasione della quinta frazione, è stato Price ad incappare in una sanzione analoga facendo vincere la tappa al debuttante Petrux.

Fra le auto, la giuria ha di fatto eliminato dalla competizione Giniel De Villiers (Toyota Gazoo Racing) con una penalità di 5 ore. Il sudafricano, che era già stato sanzionato con 5' per l'incidente con il cileno César Zumaran, che non aveva nemmeno soccorso, ha rimediato una seconda punizione, decisamente più pesante. Il caso riguarda lo scontro con il motociclista marocchino Mohamedsaid Aoulad Ali (Ktm) con il quale aveva peraltro già raggiunto un accordo sia per la sostituzione della moto sia per l'iscrizione alla Dakar 2023. L'intesa non gli evitato il provvedimento disciplinare che lo ha relegato in 35esima posizione, a quasi 5 ore e 50 minuti.

Nella prova riservata agli autocarri, immediato riscatto di Andrey Karginov. Il russo della Kamaz si è aggiudiato la quinta frazione con quasi due minuti e mezzo di vantaggio sul primo dei suoi compagni di squadra, Dimitry Sotnikov. Poi gli altri due: Anton Shibalov, terzo a 4.47'' e Eduard Nikolaev, quarto a 5.0'8''. Per gli altri equipaggi la Dakar comincia dalla quinta posizione, che è stata conquistata da Janus Van Kasteren (Petronas Team De Rooy Iveco) a 1 minuto e 39 secondi dall'ultimo truck Kamaz. L'olandese si è tenuto ancora una volta alle spalle il ceco Ales Loprais (Instaforex Loprais Praga).

La classifica generale resta invariata con Sotnikov a guidare la “carovana” dei truck con 19 ore 9 minuti (uno di penalità) e 20 secondi. Lo seguono i connazionali Nikolaev a 9.53'' e Shibalov a 26.27''. La quarta posizione è attualmente una contesa fra Van Kasteren (lontano quasi 26 minuti dal podio) e Loprais, che viaggia a poco meno di 9 minuti dall'olandese. Karginov è sesto a più di un'ora e 38 minuti da Sotnikov e a quasi 45 minuti dalla quarta posizione. L'obiettivo della scuderia del costruttore russo era quello di piazzare i proprio equipaggi nelle prime quattro posizioni. Ventottesimo oggi, l'equipaggio dell'Italtrans Racing con Claudio Bellina al volante dell'Iveco da corsa occupa la 18° posizione nella graduatoria assoluta seppur con oltre 7 ore di ritardo da Sotnikov

  • condividi l'articolo
Giovedì 6 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento: 07-01-2022 11:03 | © RIPRODUZIONE RISERVATA