la Lamborghini Sìan

Lamborghini, per il domani elettrificato la strategia si chiama “Cor Tauri”

di Cesare Cappa
  • condividi l'articolo

La questione elettrificazione non risparmia nessuno, neppure Lamborghini. Oggigiorno la gamma del Toro di Sant’Agata si potrebbe definire quantomai tradizionale. Motori termici, aspirati o sovralimentati. Il primo accenno all’elettrificazione, finalizzata naturalmente alle prestazioni, è la Lamborghini Sìan. Il V12 non si tocca, mentre un motore elettrico a 48 volt, che sviluppa 34 cv, è stato inserito all’interno del cambio. Unità che, oltre a fungere da supporto a quella termica, si adopera nelle manovre a bassa velocità, come la retromarcia e il parcheggio. Per quanto concerne il sistema di accumulo dell’energia, anziché adottare una batteria agli ioni di litio, la Sián impiega un supercondensatore. Un vettura destinata ad una super élite di facoltosi appassionati. 

Il futuro processo di elettrificazione è già in atto, una strategia che in Lambo hanno denominato “Cor Tauri”, la stella più luminosa della costellazione del toro. A guidare la transizione ibrida sarà un investimento epocale: oltre un miliardo e mezzo di euro in quattro anni, il più grande della storia di Lamborghini. Già nel 2023 verrà lanciata la prima sportiva di serie ibrida, ed entro la fine 2024 tutta la gamma sarà elettrificata. Il target interno che l’azienda inseguirà in questa fase prevede l’abbattimento del 50% delle emissioni di CO2 dall’inizio del 2025. Ovviamente non potrà mancare l’elettrico. Ma per questo bisognerà attendere la seconda parte del decennio. 

  • condividi l'articolo
Martedì 22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento: 20:00 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti