La nuova Lexus NX

Lexus tutta elettrificata. Modelli zero emission e “alla spina” senza tralasciare il full-hybrid

di Giampiero Bottino
  • condividi l'articolo

Può sembrare quasi paradossale per il brand premium che per primo ha creduto nell’elettrificazione al punto di presentare su molti mercati, Italia compresa, una gamma totalmente ibrida, dimostrarsi quasi timido nell’affrontare il passaggio successivo, quello rappresentato dai modelli “alla spina”. Basti pensare che è stata appena svelata la prima Lexus ibrida plug-in, il Suv Nx la cui nuova generazione – in arrivo sul mercato verso la fine dell’anno – avrà la versione 450h+ che con la “sorella” full-hybrid 350h condivide la rinnovata piattaforma Tnga-K, ma se ne differenzia soprattutto per la batteria da 18 kWh – un record per la categoria – che si “rigenera” collegandosi alla rete elettrica e promette 63 km di autonomia in assenza di emissioni con livelli di CO2 inferiori ai 40 g/km. 

Il tutto inquadrato in uno schema, tipicamente Toyota-Lexus, che per quanto riguarda la componente termica si affida al 4 cilindri 2.5 a benzina ciclo Atkinson per costituire un sistema che, grazie al secondo motore elettrico “responsabile” della trazione integrale, dispone di 306 cv rispetto ai 242 – pur cresciuti rispetto al modello precedente – della 350h full-hybrid. Nel caso del colosso nipponico si tratta comunque di un avvicinamento prudente all’elettrificazione alla spina, in linea con le perplessità manifestate dal presidente Akio Toyoda che si è detto preoccupato per i rischi che un’eccessiva forzatura nella corsa all’elettrico, senza tener conto delle modalità di produzione dell’energia necessaria, potrebbero comportare per il sistema economico giapponese. Anche in forza di questa convinzione, l’UX 300e che invece segna l’esordio Lexus nel mondo del “full electric” viene presentato come un prodotto fortemente orientato all’Europa, dove nel 2022 potrebbe valere un terzo delle vendite totali del modello, grazie soprattutto a quei mercati – Norvegia, Paesi Bassi, Germania e Regno Unito – in cui l’infrastruttura di ricarica è già abbastanza capillare.

Proposto con la sola trazione anteriore, il nuovo crossover elettrico dispone di un motore compatto da 150 kW (204 cv) con 300 Nm di coppia al quale la batteria da 54,3 kWh conferisce un’autonomia compresa tra i 315 e i 325 km secondo lo standard Wltp, una velocità massima di 160 km all’ora e un’accelerazione 0-100 in 7,5 secondi. Facendo tesoro della lunga esperienza maturata da Lexus nel campo della propulsione full-hybrid, l’UX 300e dispone della frenata rigenerativa che consente di ricaricare la batteria quando si rilascia l’acceleratore. La ricarica completa da una presa a 230 V richiede 24 ore con il cavo di serie da 2,3 kW e 8,15 ore con quello opzionale da 6,6 kW, mentre bastano 50 minuti per la ricarica rapida in corrente continua con connettore ChaDeMo. In Italia l’UX 300e si presenta nelle versioni Premium e Luxury da 57.000 e 61.000 euro rispettivamente.

  • condividi l'articolo
Martedì 22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento: 23-07-2021 09:27 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti