Grandland X, il nuovo Suv di Opel

Grandland X, Opel completa il tris d'assi per conquistare il mercato delle ruote alte

di Giampiero Bottino
  • condividi l'articolo
  • 1

MILANO – Dopo Mokka e Crossland, Opel completa il tris della famiglia X con Grandland X, il modello più grande – è lungo 4.447 mm – della nuova gamma a ruote alte che vedremo negli show room del marchio (con prezzi da 26.000 euro) a settembre, subito dopo il debutto pubblico ufficiale al Salone di Francoforte in programma dal 14 al 24 dello stesso mese.
 

 

Anche nelle sue vene, come in quelle del più piccolo Crossland X, scorre copioso il sangue francese, visto che la piattaforma modulare Emp2 e l'intera gamma motori arrivano dal gruppo Psa nell'ambito dell'accordo di collaborazione finalizzato allo sviluppo congiunto di tre modelli (i due Suv-crossover e il nuovo commerciale Combo), un elenco destinato ovviamente ad ampliarsi con la formalizzazione (non ancora conclusa e non priva di ostacoli) dell'incorporazione di Opel nel gruppo francese.

Ancora una volta i designer di Rüsselsheim hanno avuto la mano felice nel nascondere la parentela con l'equivalente modello francese, nella fattispecie la nuova Peugeot 3008. Grandland X si caratterizza per lo stile originale, le linee fluide che ne enfatizzano la sportività, le proporzioni equilibrate e un ampio ricorso a effetti stilistici come le alette scolpite che sembrano sostenere il logo al centro della calandra e, protendendosi fin quasi a toccare i gruppi ottici, fa apparire la vettura più larga, a tutto vantaggio di una forte presenza su strada alla quale concorrono i passaruota molto scolpiti.

Il ricorso a soluzioni estetiche capaci di creare positive “illusioni ottiche” sono per Grandland X un elemento ricorrente: la silhouette filante non lascia trasparire lo spazio generoso disponibile nell'abitacolo, le fiancate con la nuova interpretazione della tipica lama Opel fanno sembrare la vettura più leggera, mentre il doppio gradino posteriore accentua la sensazione di dinamismo. Per non parlare il profilo protettivo in materiale plastico che circonda la parte inferiore della carrozzeria, enfatizzando l'effetto Suv di una vettura che pure non dispone di trazione integrale, sostituendola almeno in parte con un'altra eredità del partner francese, il Grip Control che gestisce la distribuzione della coppia, ottimizzandola in base al tipo di terreno da affrontare.

L'illusione ottica si ritrova anche nell'abitacolo, che condivide l'impostazione generale con Astra, Crossland X e Insignia, dove il disegno della plancia – divisa in tre blocchi funzionali (infotainment, clima e assetti della vettura – è studiato per amplificare la sensazione di larghezza e dinamismo. A renderlo particolarmente luminoso concorre la disponibilità del tetto panoramico a due sezioni ad azionamento elettrico, mentre il comfort è garantito dai sedili anteriore certificati dall'istituto tedesco Agr, specializzato nello studio della postura, oltre che dalla possibilità di riscaldare i sedili, compresi quelli posteriori, la corona del volante e il parabrezza. Interesante anche la capacità del bagagliaio, compresa tra 514 e 1.652 litri, con il portellone che può essere arricchito con il sistema di apertura a mani libere.

Tra gli obiettivi del progetto c'era anche quello di offrire con Grandland X contenuti tecnologici d'avanguardia. Missione compiuta, con dotazioni disponibili spaziano dai fari full Led ricchi di funzioni intelligenti al sistema di prevenzione dei colpi di sonno, dalla frenata automatica d'emergenza con rilevamento pedoni alla telecamera posteriore con visione a 360 gradi con sistema di assistenza al parcheggio.

L'assistente personale Opel Onstar di origine GM ma destinato a equipaggiare i modelli Opel anche dopo il distacco dal gigante Usa offre numerose funzioni (tra le più recenti, le prenotazioni alberghiere e la ricerca di un parcheggio), oltre a trasformare l'abitacolo in un hotspot wi-fi, e unitamente ai sistemi IntelliLink di ultima generazione, compatibili con Android Auto e Apple CarPlay, garantiscono a chi viaggia con Grandland X i più elevati livelli di connettività. Oltre alla possibilità di ricaricare il cellulare in modalità wireless grazie al sistema a induzione.
 

 

  • condividi l'articolo
  • 1
Lunedì 26 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 07-07-2017 16:28 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti