Formula E, riparte dal Messico la caccia alla Renault di Buemi: DS Virgin e Abt Audi in cerca di rivincite

di Mattia Eccheli
CITTÁ DEL MESSICO – Sabato, quando si correrà la quarta tappa della terza stagione della Formula E, il campionato del mondo riservato alle monoposto elettriche, i riflettori saranno puntati sul brasiliano Lucas Di Grassi per almeno due ragioni. La prima è che dopo tre vittorie di fila di Sébastien Buemi è tra i pochi piloti a poter contribuire a tenere vivo l'interesse per la competizione e la seconda è che l'anno scorso aveva tagliato per primo il traguardo, ma solo dopo l'arrivo era stata individuata una irregolarità alla vettura che gli era costata la squalifica e, a conti fatti, il titolo mondiale.

Nell'Autodromo Hermanos Rodriguez di Città del Messico, Di Grassi è chiamato riscattarsi. E a vincere per sé e per il team Abt Schaeffler Audi Sport: egli accusa già 29 punti di distacco dallo svizzero, mentre la scuderia deve recuperare 51 lunghezze allo squadrone francese che si è assicurato i primi due titoli costruttori.

Sul solo vero circuito cittadino della Formula E, anche l'argentino del team DS Virgin José Maria Lopez ed il messicano della Techeetah Esteban Gutierrez sono sotto i riflettori. Il campione in carica del WTCC, titolo che non difende, è stato ingaggiato anche per correre nel FIA World Endurance Championship ed arriverà sul circuito solo poche ore prima della gara, ragione per la quale è pronto anche il terzo pilota, Alex Lynn, che proverà la vettura venerdì.

Per l'ex collaudatore Ferrari Gutierrez, l'ingaggio del team cinese rappresenta una nuova opportunità e, allo stesso tempo, una grande responsabilità perché il suo debutto in quella che ha definito la disciplina del futuro del motorsport avviene davanti al pubblico di casa. La gara di Città del Messico durerà 45 giri per un totale di poco superiore ai 94 chilometri. Ogni tornata è “condita” da 17 curve e misura poco meno di 2.100 metri. Le insidie della pista derivano anche dall'altitudine (nessuno arriva a 2.500 metri), ma anche dalle velocità elevate.
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 30 Marzo 2017, 17:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Ci sono alcune priorità inderogabili che, soprattutto per il nostro Paese, dovrebbero essere degli autentici punti di riferimento. Vogliamo parlare delle riforme? O dell’evasione...
Ferrari Day, sul circuito Ricardo Tormo di Valencia va in scena la passione per il Cavallino
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RICOSTRUZIONE
Daniele Maver presidente di JaguarLandRover Italia taglia il nastro del'inaugurazione del
AMATRICE - Un fiore di primavera. Una gemma. Fra le tristi macerie di quello che fino...
LA CLASSIFICA
PARIGI – Non è per niente un bel primato quello che la Fondazione Vinci Autoroutes...
IL PROGETTO
Chase Carey, nuovo Ceo del circus dopo l'acquisto di Liberty Media
BERLINO - Il nuovo capo della Formula Uno, Chase Carey, sta cercando di inserire nel calendario del...
DIVERTENTE
La Mini Challenge
MILANO - Parte da Imola l'avventura del Mini Challenge 2017. È Il sesto appuntamento...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 IL MATTINO - C.F. 01136950639 - P. IVA 05317851003